LIBRI DI VIAGGIO NATI DA GRANDI PENSATORI
5 libri di viaggio nati da grandi pensatori
Ad

Per capire meglio una persona a volte basta guardare i viaggi che ha fatto, ma anche quelli che ha scelto di non fare. Perché oggi il viaggio è una cornice che inquadra la nostra esistenza, esaltando il ritratto di quel che siamo.
Da una parte esiste il viaggio del turista: un semplice spostarsi da un luogo all’altro, con tutte le comodità del caso e un planning che non lascia spazio a cambi di programma; un pacchetto che dentro ha il vuoto della mercificazione di luoghi e culture.
Dall’altra c’è il viaggio di quelli che vogliono squarciare l’ordinario e scardinare le proprie abitudini e gli stereotipi, per mettersi alla prova e arricchirsi attraverso l’interazione con l’Altro.
In entrambi i casi, comunque, il viaggio può essere una lente d’ingrandimento per osservare con occhi diversi le cose, rifuggendo da narrazioni pre-confezionate, sempre uguali a sé stesse, come nelle cartoline.

LIBRI DI VIAGGIO CHE POTREBBERO CAMBIARE LA TUA VITA

Una delle narrazioni ben lontane dagli stereotipi da cartolina è proprio quella di Elias Canetti e del suo viaggio in Marocco. Nel suo libro LE VOCI DI MARRAKECH , infatti, scopriamo un modo diverso di guardare ai cammelli, ai deserti favoleggianti, alle piazze traboccanti di feroce bellezza, tra povertà e odori che ridefiniscono la poetica dei sensi. È un viaggio nei luoghi ma anche nella loro percezione. La narrazione di Canetti è una chiave che apre le trappole culturali che ingabbiano il Marocco, restituendo al lettore quella libertà immaginativa che spetta di diritto ad ogni viaggiatore.

Anche le pagine di Terzani permettono di viaggiare con occhi nuovi. In UN ALTRO GIRO DI GIOSTRA , infatti, scopriamo tutta l’onestà intellettuale di un uomo occidentale che è costretto ad incontrare quella cultura orientale che lo porterà a mettere in discussione i pilastri della sua vita. Un viaggio tra America e India che procede sui binari paralleli di un viaggio dentro l’interiorità dell’essere umano. Una narrazione profonda e coinvolgente che diviene una preziosa bussola di vita, per chi parte ma anche per chi resta.

Non è da meno anche IL LEOPARDO DELLE NEVI di P. Matthiessen. Il racconto di un cammino di oltre 250 miglia tra le montagne del Tibet, alla ricerca di una creatura mitica che diviene il simbolo di qualcosa di più alto. Perché anche se può risultare retorico, una delle verità assolute del viaggio è che la meta non è il luogo d’arrivo ma il viaggio stesso. E la cultura zen, scolpita nelle rocce dell’Himalaya, è la strada migliore che il lettore possa imboccare per comprendere certe mete.

VIAGGIARE SENZA INCONTRARE L’ALTRO VUOL DIRE SEMPLICEMENTE SPOSTARSI

Viaggiare, però, vuol dire anche aprirsi agli usi e costumi di un popolo e disporsi all’incontro con quelle culture che sono lontane dalle nostre abitudini.
Perché solo così si può comprendere davvero a fondo l’anima di un luogo. Per questo i libri di Kapuscinski sono perfetti per aprire la mente al mondo. Come succede con EBANO , che racconta le avventure di un europeo bianco che esplora il continente africano durante il passaggio dal colonialismo all’indipendenza. Un viaggio pieno di colpi di scena tra miliziani, bambini soldato, pericolosi serpenti e deserti che mettono alla prova.
Con I VAGABONDI DEL DHARMA , invece, Kerouac ci racconta di pellegrinaggi tra i monti della California e non solo, per mostrarci il ritratto di una generazione che ha fatto la storia: quella dei beatnik. A far da cornice alle loro avventure estreme, una natura che fa da contraltare al paesaggio interiore di un Kerouac che regala riflessioni uniche e dense, insegna di un movimento culturale che ha rivoluzionato gli anni a venire.

Ad

ALTRI LIBRI DI VIAGGIO CHE POTRESTI VOLER LEGGERE

In questo articolo sono stati selezionati 5 libri che affrontano la tematica del viaggio che non si rivolgono solamente al viaggiatore inteso come turista ma che scavano nel profondo del lettore accompagnandolo in riflessioni sul viaggio e sulla vita stessa. Abbiamo dedicato a questo genere di libri un’intera categoria qui su Mappalibro.it, se l’argomento ti piace e ti coinvolge, ti invito a consultare la categoria “Grandi pensatori“.

Articolo di Gabriella Ferracane

Ad
Articolo precedenteL’incredibile storia dell’uomo che dall’India arrivò in Svezia in bicicletta per amore di Per J Andersson – Recensione
Articolo successivoUNA DONNA NELLA NOTTE POLARE DI CHRISTIANE RITTER – RECENSIONE
Sotto il nome "Mappalibro" si radunano numerosi viaggiatori, blogger e professionisti del digitale che attivamente partecipano alla stesura di articoli e recensioni per questo portale. Trovi il nome dell'autore di questa recensione alla fine dell'articolo.