Raven Master nella torre di Londra
Raven Master nella torre di Londra foto di Matteo Crivellone

Torre di Londra: l’imponente fortificazione sulle sponde del Tamigi, a due passi da Tower Bridge e dalla City; si tratta di una delle attrazioni più importanti della capitale inglese, dove sono custoditi anche i preziosissimi Gioielli della Corona. Eppure, questa è casa anche di alcuni piccoli, neri esseri viventi che, pur passando inosservati, rappresentano una vera e propria salvezza per l’intero Regno Unito: i corvi della Torre di Londra.

Secondo la leggenda, i corvi sono animali davvero importantissimi per la sorte britannica; si dice, infatti, che quando essi abbandoneranno la Torre di Londra, quest’ultima cadrà e con lei l’intero Regno. Spaventoso, vero? Meglio fare in modo che ci siano sempre dei corvi a volteggiare nel cielo sopra la London Tower… ed è per questo che sono anni, ormai, che si è avviato uno specifico progetto di riproduzione e allevamento di corvi in cattività. La leggenda dice che devono essercene almeno sei… per questo alla Torre di Londra ne vivono sette: meglio averne uno di scorta, no? Magari li avrai visti anche tu quando hai visitato la Torre di Londra, ma forse non sapevi quanto fossero importanti!

La figura del Raven Master

Non penserai mica che i corvi della Torre di Londra siano lasciati soli a prendersi cura di se stessi, vero? No: a proteggerli e curarli c’è una figura davvero curiosa, una professione che faresti fatica a considerare reale nel XXI secolo: il Maestro dei Corvi. Quello attuale si chiama Chris Kaife, ricopre il ruolo dal 2011 e, come legge vuole, ha servito il Regno nell’esercito per 22 anni prima di poter accedere a questo ruolo davvero unico e inimitabile.
Che cosa fa il Raven Master? Semplicemente, si assicura che i corvi della Torre di Londra abbiano tutto ciò che serve loro per vivere una vita lunga e dignitosa. È lui stesso, ad esempio, che ogni mattina si reca al mercato di Smithfields per scegliere la carne migliore da servire cruda, magari accompagnata da gustosissimi biscotti inzuppati nel sangue; un uovo a settimana, qualche coniglio occasionale, qualche avanzo dalle cucine della Torre, e la dieta è completa. Direi che siamo in buone mani!

I volatili più amati del Regno

Insomma, l’avrai già capito: per la Regina e tutto il suo Regno, i corvi non sono semplici volatili. Quelli che noi chiameremmo “uccelli del malaugurio” e che potremmo più facilmente veder volare sui cieli sopra Highgate (a proposito, di questo cimitero di Londra ha parlato anche Claudia Vannucci nel suo Cemetery Safari), sono invece serviti e riveriti, protetti e salvaguardati come se fossero una specie rarissima. Per il Regno, sono davvero vitali! Perché anche se solo di una leggenda si tratta… sempre meglio non contraddirla, che non si sa mai. E per un po’, da questo punto di vista, si dovrebbe star tranquilli: gli ultimi 4 piccoli corvi sono nati nel 2019, e proprio il 23 aprile, giorno dedicato a San Giorgio patrono d’Inghilterra! Se non è destino questo…

Londra curiosa nelle pagine di un libro

Pensi che i corvi della Torre di Londra sia qualcosa di curioso? Beh, la capitale inglese, di curiosità, ne ha da vendere! D’altronde non potrebbe essere altrimenti: è una città cosmopolita, vivace, estremamente eclettica, in evoluzione costante; accoglie e abbraccia, sorprende e sconvolge, e rappresenta la location ideale per migliaia di storie. Come quelle di Simonetta Agnello Hornby, La mia Londra e La nostra Londra, o quelle raccontate nella particolare forma dell’email di Freedom. Conoscere Londra via e-mail di Neda Tootoonchi. E se di storie curiose non ne hai mai abbastanza… I segreti di Londra di Corrado Augias è il libro per te.

Articolo di: Agnese Sabatini.