Qualche trucco per viaggiare spendendo poco
Abbiamo raccolto qualche accortezza per viaggiare spendendo poco.
Ad

Se sei atterrato su questa pagina sicuramente è perché sei curioso di conoscere nuovi trucchi per viaggiare spendendo poco. Sia che tu sia un viaggiatore appassionato, sia che tu ti muova spesso per lavoro, sia che questo sia diventato il tuo stile di vita e che tu abbia deciso di diventare un nomade digitale, i consigli che troverai in questa breve guida ai viaggi low cost ti saranno utili per scoprire come viaggiare gratis… o quasi!

Come risparmiare sui voli

Negli ultimi anni sono stati condotti diversi studi volti a chiarire come fare per risparmiare sui voli. I report sono arrivati da tantissime realtà, da Skyscanner a Expedia, fino alla BBC e alle Università.

C’è chi dice che il miglior momento per comprare un biglietto aereo nazionale sia 5 settimane prima della partenza, mentre per una tratta internazionale sia fondamentale acquistare con 5 o 6 mesi di anticipo.

C’è chi riduce tutto affermando che il periodo giusto sia 54 giorni prima della data di partenza mentre altri scommettono che con sole 10 giornate di anticipo si riesca ad ottenere la migliore tariffa per voli Ryanair e Easyjet.

Il dibattito è lungo e articolato. Per questo di seguito ti lascio due consigli che ti saranno utili davvero per viaggiare spendendo poco e risparmiare sui voli aerei.

Ad

1. Sii flessibile

La prima regola per risparmiare sui voli è quella di essere flessibili ed esserlo sia per quanto riguarda la destinazione, sia per quanto riguarda la data di partenza.

Ciclicamente le compagnie aeree propongono offerte a prezzi stracciati su mete che non sempre sono quelle che avremmo voluto visitare per prime. Come si dice, però, ogni lasciata è persa! Se trovi un volo a 5 € per Bruxelles compralo anche se la tua idea iniziale era quella di andare ad Amsterdam!

Per quanto riguarda le date, invece, se sei libero di scegliere e non sei vincolato a giorni e orari, spunta sempre la casella “date flessibili” durante la tua ricerca. In questo modo potrai adocchiare le tariffe più convenienti nei giorni precedenti e successivi a quelli a cui avevi pensato.

Esistono strumenti molto utili in questo senso. Te ne elenco alcuni:

2. Confronta le tariffe

Per raggiungere una destinazione esistono sempre diverse soluzioni. Prima di prenotare un volo è sempre utile confrontare le tariffe delle varie compagnie aeree: volare con una low cost può far risparmiare parecchi soldi, così come scegliere di fare uno scalo in più.

Per comparare i prezzi dei voli ti consiglio questi strumenti:

Ti lascio, infine, due ultimi e veloci suggerimenti.

  1. Quando prenoti un volo cancella sempre la cronologia dei cookies e accedi al sito su cui vuoi prenotare attraverso la “modalità in incognito”. Meglio ancora sarebbe prenotare attraverso un computer differente da quello con cui lavori.
  2. Iscriviti ai programmi fedeltà delle compagnie aeree, almeno in quelli gratuiti come Mille Miglia di Alitalia e SkyMiles che comprende più partner anche fuori dal circuito aereo. In questo modo potrai accumulare punti e guadagnare tariffe scontate o, addirittura, biglietti gratuiti.

Come risparmiare sugli hotel

Dopo aver visto qualche trucchetto per acquistare biglietti aerei a prezzi scontati, ecco alcuni suggerimenti per risparmiare sugli hotel. Vedrai che per quanto riguarda l’alloggio, infatti, sarà addirittura possibile viaggiare gratis!

Booking.com e il programma fedeltà Genius

Booking.com è una delle piattaforme online di prenotazione più famose al mondo. Su questo sito si trovano strutture di ogni tipo: dagli affittacamere agli hotel di lusso, dagli appartamenti ai campeggi.

Il programma di fedeltà Genius è gratuito e si aderisce automaticamente dopo almeno due prenotazioni sulla piattaforma. Da quel momento in avanti si potrà usufruire di tariffe speciali dedicate in alcuni hotel presenti su Booking.com. Più si prenota e più si ottengono sconti e vantaggi: una persona che raggiunge il Livello 2 del programma fedeltà, ad esempio, avrà diritto a sconti del 15% e non più solo del 10%.

Tra gli altri privilegi ci sono la colazione gratuita in alcune strutture e altri servizi offerti dall’hotel gratuitamente o a prezzi riservati.

Le catene alberghiere e i programmi fedeltà

Un altro metodo per risparmiare sull’alloggio è quello di valutare la possibilità di soggiornare in una catena alberghiera e aderire al loro programma fedeltà.

Le catene di hotel internazionali sono moltissime e soddisfano praticamente tutte le tasche. Si inizia dagli Ibis Budget del gruppo Accor Hotels, passando per gli Holiday Inn e arrivando alle catene di lusso come Hilton e Ritz-Carlton.

Generalmente tutte le catene alberghiere hanno un loro programma fedeltà che permette, a seguito dell’iscrizione, di usufruire di sconti e tariffe dedicate.

Airbnb e gli appartamenti

Un’ottima soluzione per risparmiare sull’alloggio in viaggio è quello di affittare un appartamento dove potrai cucinarti i tuoi pasti. Airbnb è una piattaforma molto utile: il portale mette in contatto chi cerca un posto dove dormire con i proprietari di strutture da affittare per un breve periodo.

Oltre agli appartamenti con Airbnb potrai prendere in affitto anche una sola stanza o una camera condivisa.

Gli ostelli

L’ostello è sempre una delle idee migliori per viaggiare spendendo poco… conoscendo anche altri viaggiatori! Il bello di questo tipo di soluzione è proprio la possibilità di entrare in contatto con altre persone con la tua stessa passione.

Dimentica gli ostelli decadenti e pieni di scarafaggi, oggi ne esistono di bellissimi e moderni, soprattutto nel nord Europa.

I campeggi

Se sei un amante della natura e, soprattutto, se viaggi in periodi e in luoghi non troppo freddi, potresti valutare il campeggio. Dormire in tenda è un’esperienza meravigliosa, avrai la possibilità di conoscere altre persone e se acquisterai un fornelletto potrai risparmiare anche sui pasti. I prezzi delle piazzole sono generalmente bassi e comprendono, nella maggior parte dei casi, anche l’attacco all’elettricità e le docce calde.

Purtroppo in luoghi molto turistici e in alta stagione anche il costo dei campeggi può alzarsi notevolmente.

Il campeggio libero non è sempre permesso, perciò, in caso fossi tentato, informati prima per non rischiare di incorrere in sanzioni.

Couchsurfing

Couchsurfing significa letteralmente “fare surf sui divani”. Questa è una piattaforma in cui si può registrare per offrire alloggio gratuito o per cercarlo.

Il tipo di alloggio varia da persona a persona: può essere un posto sul divano, una stanza o addirittura lo spazio in giardino per piantare la propria tenda.

Per utilizzare al meglio Couchsurfing è consigliabile creare un buon profilo, corredato da foto, interessi e biografia. In questo modo le persone potranno farsi un’idea di te ed essere più disponibili ad ospitarti.

House Sitting e House Exchange

Un’altra opportunità per viaggiare gratis è quella dell’House Sitting o dell’House Exchange.

Nel primo caso potrai alloggiare gratuitamente e in cambio dovrai prenderti cura della casa e, a volte, degli animali dei padroni. Il sito più famoso da utilizzare è TrustedHouseSitters.

Nel secondo caso, invece, ci si scambia “semplicemente” le case. Ci sono alcuni siti dove è possibile soggiornare a casa di terzi anche senza mettere a disposizione la propria.

Il volontariato

Il volontariato è un’ottima idea per viaggiare gratis e per conoscere nuove persone e culture. Esiste sia la possibilità di volontariato vero e proprio in comunità bisognose, sia l’opportunità di lavorare in cambio di vitto e alloggio. Generalmente queste ultime offerte provengono da fattorie od ostelli.

Una delle piattaforme più usate è Workaway. Il sito è un vero e proprio progetto di scambio che aiuta le persone a trovare lavoro in cambio di vitto e alloggio. Questa piattaforma è molto usata inizialmente anche da chi ha intenzione di intraprendere una nuova vita come nomade digitale. È importante verificare con l’host (la persona che ospita) il tipo di lavoro e le ore richieste, l’area in cui si trova la casa e la tipologia di sistemazione e se la connessione internet è disponile. In questo modo non si rischierà di incorrere in imprevisti.

Un’altra piattaforma interessante è WWOOF. Questa mette in contatto fattorie biologiche con chiunque abbia voglia di entrare in contatto con la vita rurale.

Come risparmiare sugli spostamenti

Questa guida ai viaggi low cost continua con una serie di consigli su come risparmiare sugli spostamenti. Se prima ti ho suggerito alcuni trucchetti per prenotare tariffe aeree convenienti, ora voglio soffermarmi su tutti quei mezzi alternativi all’aereo.

Utilizza il trasporto pubblico

Usare il trasporto pubblico è quasi sempre molto più conveniente rispetto a muoversi con un’auto propria o con un taxi. L’ideale è informarsi per tempo sull’esistenza di biglietti giornalieri o abbonamenti per tre o più giorni che permettono di spostarsi liberamente utilizzando tutti i mezzi del trasporto pubblico cittadino.

Spesso le soluzioni migliori si trovano sul sito ufficiale dei trasporti pubblici della destinazione e NON ricadono sotto la categoria pass turistici.

Generalmente nelle più grandi città europee i siti web delle aziende dei trasporti sono anche in inglese, ma in ogni caso ci si può sempre recare in un punto informazioni una volta arrivati sul posto.

Usa il treno

Tra i trasporti pubblici includo anche il treno. Prenotando con largo anticipo riuscirai a trovare di certo tariffe molto vantaggiose e in alcuni Paesi esistono biglietti regionali che permettono di spostarsi liberamente tra le varie città di una data area. Anche in questo caso il consiglio è quello di informarsi preventivamente o di recarsi in un ufficio informazioni una volta sul posto.

Per quanto riguarda i tuoi viaggi in Europa valuta di acquistare un biglietto Interrail. Un tempo solo i ragazzi di età inferiore ai 26 anni potevano usufruirne, ma oggi non è più così. Con questo biglietto potrai spostarti con il treno in tutti i Paesi europei con un unico biglietto.

Utilizza i pullman

Per spostamenti più lunghi un’ottima soluzione è quella di utilizzare i pullman. In Europa e in parte degli Stati Uniti la compagnia Flixbus collega moltissime città (e non solo quelle più importanti) a prezzi davvero convenienti.

In America la compagnia più famosa di pullman è la Greyhound.

Un consiglio per risparmiare sugli spostamenti utilizzando i pullman è quello di valutare di viaggiare di notte: in questo modo le tariffe spesso si dimezzano ulteriormente.

Evita di prendere il taxi

I taxi hanno generalmente prezzi molto più alti rispetto a qualsiasi altro mezzo di trasporto. Dico “generalmente” perché in alcuni Paesi del mondo, dove la vita ha un costo molto basso e il cambio è favorevole all’euro, capita che questi siano assolutamente economici rispetto allo standard europeo.

Per evitare i taxi esistono tantissime soluzioni:

  • Uber: l’applicazione di Uber mette in contatto diretto autisti privati e clienti. Le tariffe variano a seconda della tipologia di auto e dal servizio richiesto;
  • GrabCar: è l’alternativa asiatica di Uber;
  • BlaBlaCar: è una piattaforma che permette di condividere i propri viaggi per risparmiare sulle spese da sostenere (benzina e autostrada ad esempio). A differenza di Uber l’autista in questo caso non guadagna veramente qualcosa, ma risparmia su un viaggio già in programma.

Un’altra soluzione interessante per risparmiare sugli spostamenti è la car relocation. Questa consiste nel riportare in sede una macchina affittata in una località e lasciata in un’altra. Negli ultimi anni le compagnie di noleggio auto hanno iniziato a risparmiare sui costi di trasporto di queste auto. Invece di affidarsi a compagnie esterne, permettono ad altri viaggiatori di effettuare il viaggio a costo praticamente nullo.

Usa la bicicletta

Infine, l’ultimo consiglio su come risparmiare sugli spostamenti consiste nell’usare la bicicletta. Se non sei troppo pigro questa è di certo la soluzione più economica e quella che ti permetterà di goderti davvero ogni attimo del tuo viaggio, soprattutto se avrai deciso di viverlo a contatto con la natura.

In questo senso mi sento di consigliarti anche 4 titoli di libri molto interessanti, capaci di farti percepire la forza emozionale di un viaggio in bicicletta:

  • Pedalando nel silenzio di ghiaccio. Il ciclismo estremo e la felicità di Omar Di Felice: il racconto di un’impresa che ha dell’incredibile, quella di Omar che ha percorso chilometri e chilometri di strade ghiacciate per sfidare sé stesso e la sua più grande passione.
  • Un viaggiatore esteta. La bellezza di perdersi tra il respiro dei paesaggi del Giappone di Ottavio Zani: un libro dove la bicicletta è protagonista insieme a meravigliosi paesaggi capaci di mozzare il fiato.
  • Italia fuorirotta. Viaggio a pedali attraverso la Penisola del tesoro di Emilio Rigatti: un viaggio a pedali tra i tesori meno conosciuti della nostra penisola.
  • Dalla pianura Padana al Tibet in bicicletta di Obes Grandini: un viaggio memorabile ed emozionante attraverso Slovenia, Bulgaria, Turchia, Iran, Turkmenistan, Uzbekistan, Kirghizistan e Cina.

Altri consigli utili per viaggiare spendendo poco

Alla fine di questa breve guida ai viaggi low cost voglio racchiudere alcuni suggerimenti “bonus” che ti aiuteranno di certo a risparmiare ancora durante i tuoi spostamenti in giro per il mondo.

Viaggia solo con il bagaglio a mano

Il primo consiglio “bonus” che ti do è quello di lasciare a casa tutto ciò che è superfluo. Viaggiare leggeri significa non solo essere più liberi e più comodi, ma vuol dire anche risparmiare parecchio! Muovendoti solo con il bagaglio a mano non dovrai pagare un supplemento sulla valigia da imbarcare in stiva se viaggerai in aereo, né dovrai preoccuparti di farlo su treni, pullman e autobus locali che spesso richiedono un sovrapprezzo sui bagagli ingombranti.

Cucina i tuoi pasti (ma non sempre)

Se affitterai una camera con angolo cottura, un appartamento o una stanza in un ostello con uso cucina non dovrai obbligatoriamente pranzare o cenare al ristorante. In questo modo, dopo un giro al mercato di quartiere, potrai cucinarti i tuoi pasti risparmiando moltissimo.

Questo discorso, però, non vale per tutti i Paesi. Ci sono luoghi, infatti, dove si può tranquillamente mangiare con 1 €, rendendo pressoché inutile l’utilizzo dei fornelli.

Prima di decidere il tipo di alloggio informati sul costo della vita e valuta la possibilità di consumare i tuoi pasti davanti a un tipico banchetto di street food locale.

Partecipa ai free walking tours

Sono moltissime le grandi città dove puoi “approfittare” dei free walking tours. Questo tipo di giri turistici sono un modo davvero interessante per scoprire la città risparmiando e incontrando nuove persone. I tour sono gratuiti, ma è sempre un bene lasciare una mancia, anche piccola, alla guida che ti ha accompagnato.

Visita i musei gratuiti

In alcune città del mondo i principali musei sono a ingresso gratuito (penso ad esempio ai musei nazionali del Regno Unito) o comunque sono garantiti settimanalmente orari in cui l’entrata è libera (ad esempio nelle ore serali di un determinato giorno). Il consiglio è quello di informarsi direttamente sul sito del museo che vuoi visitare.

Ricordati sempre che molti musei prevedono sconti per studenti, over 60 e altre categorie di persone (ad esempio per giornalisti, insegnanti e guide).

Spesso, inoltre, esistono biglietti cumulativi che permettono di visitare più musei ad un costo decisamente ridotto.

Scegli una buona carta di credito per viaggiare

Infine, prima di partire informati sui costi delle commissioni della tua carta di credito. Questa è una spesa che viene spesso sottovalutata nonostante possa incidere parecchio sui costi di un viaggio.

I costi delle commissioni sui prelievi e sul cambio valuta sono generalmente davvero molto alti: parliamo anche del 3% o di 5 – 10 € a prelievo!

Prima di partire informati con la tua banca e, se hai intenzione di partire per un viaggio a lungo termine, prenditi del tempo per valutare proposte da più istituti bancari.

Prima di prendere la tua decisione tieni sempre a mente almeno questi fattori:

  • Spese fisse per la gestione del conto;
  • Commissioni di prelievo: costi che all’estero possono davvero essere esorbitanti;
  • Commissioni di cambio valuta.

Molto spesso, all’estero, le banche applicano una commissione sull’utilizzo di carte di credito straniere. Capita che questo sia inevitabile e dovrai necessariamente pagarla, ma prima tenta con più sportelli: le commissioni, infatti sono sempre segnalate prima del termine dell’operazione.

3 libri che devi leggere per viaggiare spendendo poco

Per concludere questa breve guida ai viaggi low cost ho deciso di consigliarti 3 titoli di libri per viaggiare spendendo poco che potresti essere interessato a leggere per scoprire qualche nuovo trucchetto.

  1. Guida ai Viaggi Low Cost. Viaggi low cost per famiglie di Liliana Monticone: Liliana è una travel blogger e nelle pagine di questo libro racconta come si può viaggiare in famiglia… quasi gratis!
  2. Weekend in Europa. Guida anticrisi per viaggiatori con piccoli budget e grandi aspirazioni. Le guide low cost di Giuseppe Ortolano: una guida molto interessante ad alcune delle città più belle d’Europa corredata di trucchetti per visitare i musei gratuitamente, indirizzi dove mangiare e dove dormire con il miglior rapporto qualità – prezzo.
  3. Viaggiare low cost con 10 euro al giorno (senza perdersi nulla): La nostra esperienza di un anno in Asia e tutti i consigli per spendere poco in viaggio di Angela Parimbelli e Paolo Trapani: Angela e Paolo hanno deciso di lasciare un posto fisso di lavoro e sono partiti per un viaggio in Asia “a tempo indeterminato”. In questa guida raccontano come hanno fatto lasciando alcuni consigli davvero utili e interessanti.

Spero che questa guida su come viaggiare spendendo poco possa esserti utile durante le tue prossime avventure in giro per il mondo. Ovviamente ognuno ha i propri trucchetti per risparmiare mentre si è in viaggio: io ti ho raccontato i miei, ma se ne hai altri la community di Mappalibro.it ti sarà grata se deciderai di condividerli!

Articolo di Selene Scinicariello.

Ad
Articolo precedenteIl Fiume a Bordo di A. Floramo, M. Daltin e A. Venier – Recensione
Articolo successivo#Vagabondingirl di Stefania Conte – Recensione
Sotto il nome "Mappalibro" si radunano numerosi viaggiatori, blogger e professionisti del digitale che attivamente partecipano alla stesura di articoli e recensioni per questo portale. Trovi il nome dell'autore di questa recensione alla fine dell'articolo.