Copertina del libro
Copertina del libro "L’Italia con gli occhi di Dante: guida del viaggiatore” di Raffaella Cavalieri
Ad

L’Italia con gli occhi di Dante è una vera e propria guida per appassionati e curiosi che conduce alla scoperta dei luoghi vissuti dal Poeta ancora oggi rintracciabili e visitabili. L’itinerario, frutto di numerose ricerche, ripercorre le orme di Dante tra Storia e Poesia.

“[…] per tutti coloro che si muovono su passi del Poeta, e che amano restare affascinati dalla sorprendente uguaglianza di immagini, scenari, paesaggi e descrizioni di un’epoca così remota.”

L’Italia con gli occhi di Dante: itinerario sui luoghi del Poeta

Non è il primo volume che Raffaella Cavalieri dedica a Dante. È del 2006, infatti, Il viaggio dantesco. Viaggiatori dell’Ottocento sulle orme di Dante, un volume in cui sono stati analizzati i viaggi del passato alla ricerca dei luoghi raccontati dal Sommo Poeta.

Questa volta, però, la studiosa ha scelto di accompagnare per mano il lettore stesso lungo un percorso ispirato dall’opera di Dante.

L’Italia con gli occhi di Dante è una vera e propria guida per viaggiatori appassionati del Poeta o semplicemente per curiosi che sentono la necessità di scovare nuovi percorsi turistici e culturali.

L’itinerario spazia tra Toscana, Marche, Lazio, Veneto ed Emilia Romagna attraverso città e strade che nel tempo sono sicuramente cambiate notevolmente, ma che spesso sono riuscite a conservare, a volte quasi ad assorbire, l’eredità dei tempi passati. Questo è ciò che ricerca l’autrice e che suggerisce di osservare al suo lettore.

Ad

Raffaella Cavalieri invita a un viaggio lento che possa soffermarsi sui dettagli e che abbia il tempo di riprendere in mano antiche opere letterarie per ritrovarne il senso di ogni parola.

Il percorso consigliato dall’autrice è frutto di numerose ricerche e di attenti studi. Nel corso della lettura sono molteplici le citazioni riprese dalle riflessioni di famosi viaggiatori che già nell’Ottocento si recavano in Italia per visitare i luoghi danteschi.

Quella di Raffaella Cavalieri non è una guida Lonely Planet, ma un volume nato da una indagine precisa volta a scoprire un’Italia dimenticata.

Scopri un’Italia insolita! Acquista L’Italia con gli occhi di Dante su Amazon

Viaggiatori di ieri e di oggi: un viaggio tra spazio e tempo

L’Italia con gli occhi di Dante: guida del viaggiatore, l’ho già detto, non è la classica guida in cui trovare itinerari, consigli e informazioni per la visita: è una sorta di cammino attraverso i luoghi dove il Poeta ha soggiornato per periodi più o meno duraturi e che oggi possono essere reinterpretati alla luce proprio di quel legame.

Il libro si muove tra le riflessioni dell’autrice, i versi stessi di Dante e le osservazioni che i viaggiatori del passato hanno lasciato proprio durante le spedizioni intraprese alla scoperta di un’Italia che fino ad allora avevano solo immaginato attraverso le opere del poeta fiorentino.

Quello che effettua Raffaella Cavalieri non è un semplice viaggio, ma un vero e proprio studio: partendo dalle basi del suo precedente libro continua il cammino per analizzare il viaggio inteso come percorso per comprendere a fondo l’opera di un poeta.

L’autrice, come i viaggiatori del passato, è convinta che i versi di Dante, dalle Rime fino alla Divina Commedia, racchiudano tantissima Italia e non solo intesa come paesaggio e monumenti, ma proprio come cultura, aspetti sociali, geografia storica ed eventi. Attraverso le opere del passato si riscopre la Nazione, se ne comprende la Storia e se ne apprendono aspetti inusuali e inaspettati.

Lo sguardo di Dante per (ri)scoprire l’Italia

Dante non è stato solamente il più grande poeta italiano di tutti i tempi, ma è stato anche un acuto osservatore. Critico nei confronti della società dei suoi tempi, attento spettatore degli eventi che hanno caratterizzato la sua epoca negli aspetti sociali, politici e religiosi, il Poeta ha sempre portato l’attualità all’interno delle sue opere. Per questo motivo ancora oggi la Divina Commedia è considerata la più grande enciclopedia del Medioevo.

Rileggendo i suoi versi troviamo aneddoti unici, storie raccontate con estrema minuzia (la vicenda del Conte Ugolino è una delle migliori cronache dell’epoca), descrizioni di eventi immortalati per sempre (come il primo Giubileo della storia) e feroci critiche alla contemporaneità. Tutto ciò è ripreso da Raffaella Cavalieri per (ri)scoprire un nuovo itinerario che attraversando l’Italia intera sia capace di riportarne alla luce aspetti dimenticati.

Lo sguardo di Dante si posa su bellezze, monumenti, paesaggi naturali, storie di quotidianità, usanze e costumi che riletti oggi danno vita a un percorso unico tra luoghi conosciuti e posti dimenticati. Dalla celebre Firenze, alla valle del Casentino in provincia di Arezzo. Dalla Chiesa di San Francesco, a Pisa, che conserva le ossa del Conte Ugolino, fino a Piazza Duomo a Firenze nel punto in cui il Poeta amava sedersi per osservare i lavori della Chiesa.

Il passato si fa motore per un viaggio inedito nel presente il cui fine è guardarsi intorno con spirito curioso, interessato e originale.

Recensione di Selene Scinicariello.

Ad
Articolo precedenteLA POLVERE DEL MONDO DI NICOLAS BOUVIER – RECENSIONE
Articolo successivoIn fuga con me stessa di Irene Romano – Recensione
Sotto il nome "Mappalibro" si radunano numerosi viaggiatori, blogger e professionisti del digitale che attivamente partecipano alla stesura di articoli e recensioni per questo portale. Trovi il nome dell'autore di questa recensione alla fine dell'articolo.